Archivi tag: cavalli

Samarcanda

Standard

Samarcanda - Shahr-I-Zindah Guri Amir

Samarcanda

 

Alla morte sfuggire navigando deserti

su vele trasparenti di sabbiose

dune increspate d’oro tra fumanti vapori.

Oasi d’acqua fresca di un palmizio,

si dischiude nell’ombra, mostra cime sbiadite

nel nulla, dove verdi foglie appese

ad aerei fili fatui sono la soglia impervia

di quel non luogo d’aria; ma si afferma

l’antica chimera che tutti chiama al mistero;

forse è il trotto di alati cavalli

che arano un solo lembo di cielo più distante.

A Samarcanda il mio cuore sospira.

Marisa Cossu

MIA SETE

Standard

dechirico2[1] ( G. De Chirico, Cavalli in riva al mare )

Non venne la pioggia

sui campi assetati dell’estate meridionale

e inutilmente volarono bassi gli uccelli

dal mare alla palude all’apparire di fatue nuvole.

Io siedo disidratata sul poggio della mia casa

e non ha voce di sorgente un antico vento;

tace l’ aria svuotata dal silenzio.

Scalpitano i cavalli dalle lunghe criniere

alla foce dell’ esigua sorgente presso il mare

tra salici piangenti e fiori d’ acqua.

E tu non tornerai  dalle rotonde pietre

dove cercasti l’ acqua per il nostro amore,

i vegetali capelli posati sull’ intrigo delle lumache.

Chi ci rubò l’ amore, dove nascose l’acqua

che ravviva e bagna il tempo;

dove portò il tuo cuore per cercarla,

forse lontano, troppo per ritornare.

© Marisa Cossu (La Vita Bella, pensieri e parole, BookSprint edizioni)